Gli Amici di Huaycan

Ciao a tutti, so che andate di corsa e per questo motivo apprezzo il fatto che vi fermiate qui a leggere.

Sono Laura De Carlo, socia fondatrice e presidente dell’Associazione di Volontariato Amici di Huaycan, che dal 1995 conduce un progetto di sostegno all’infanzia in una baraccopoli alla periferia di Lima, in Perù.

Detto così sembra molto formale, ma il tutto è iniziato quasi per gioco.

Nel 1995 ero alle prese con il mio primo lavoro vero (retribuito), mi trovavo in un’azienda giovane e in pieno sviluppo, e molti dei miei colleghi erano amici nella vita.

Era come andare a scuola, ma senza interrogazioni e con lo stipendio! Insomma, una figata.

Tra questi colleghi/amici, la mia amica C. era a sua volta amica di un’amica della giovane psicopedagogista A., che dopo un viaggio in Perù per turismo aveva deciso di prendere un anno di aspettativa per vivere e lavorare in una baraccopoli di recente formazione vicino Lima. Ci era passata per caso, ma aveva visto con i suoi occhi le condizioni di estremo bisogno, abbandono e disagio in cui vivevano i minori in quel contesto poverissimo e degradato socialmente, ed aveva scelto di fare qualcosa.

A. decise di costruire una casetta per creare un posto dove poter accogliere i piccoli, poterli ascoltare. Aveva bisogno di soldi. Attraverso il tam tam verso amici e familiari rimasti in Italia, ha avviato le prime raccolte di soldi.

Mi trovavo tra quegli amici di amici per caso … e come me tanti altri; abbiamo iniziato ad organizzare feste, cene, vendite di oggetti di seconda mano o di marmellate fatte dalle zie, … ci divertivamo, e da lontano abbiamo iniziato a contribuire alla nascita della prima “Casita de los niños” a Huaycan.

La strada fatta in questi anni è lunga. Con il tempo siamo diventati ONLUS e le strutture sono diventate due, i servizi offerti ai piccoli di Huaycan coprono i diritti primari (alimentazione, studio, salute) ma miriamo anche ad altri obiettivi: consulenza psicologica e assistenza sociale, borse di studio professionali per far crescere competenze a Huaycan, sostegno all’intero nucleo familiare del bambino in caso di necessità.

Lo sport riveste un ruolo importante tra le nostre attività: fa bene alla salute, crea spontaneamente aggregazione e partecipazione, spesso ci permette di avvicinare bambini e ragazzi “difficili”, che con le sole parole (ma nemmeno con la promessa di un pasto caldo) non riusciremmo a raggiungere.

I bambini di Huaycan hanno molto in comune con i maratoneti; anche loro corrono, per raggiungere tanti obiettivi che per i bambini italiani sono spesso scontati: lavarsi, vestirsi, andare a scuola, mangiare regolarmente, studiare, giocare con i coetanei in un ambiente sicuro, trovare una casa e un letto dove dormire …  Ci vuole tanta fatica e determinazione perché a volte anche obiettivi già conquistati vengono meno, ma i nostri bambini sono allenati a non mollare! Vogliono vincere il loro premio ogni giorno, una giornata vissuta “da bambino”.

Ma abbiamo, noi maratoneti veri o presunti, risorse limitate, ed obiettivi ambiziosi … dobbiamo saperci spendere bene le cartucce.

A presto su queste pagine web, vado a munirmi di buone scarpe!

Laura

Un lungo viaggio inizia con un solo passo (Lao-zi)

pubblicato 8 mar 2012, 13:16 da Laura De Carlo

Qualche anno fa un amico, D., ci ha proposto di abbinare alla sua partecipazione alla maratona di Roma un meccanismo di sponsorizzazione che permettesse di raccogliere promesse di donazione tra amici e conoscenti, da concretizzare in funzione degli obiettivi raggiunti.  Quello della maratona di Roma è diventato un appuntamento fisso, in cui a D. si aggiungono ogni anno altri amici conquistati alla causa, e che offrono le loro gambe e il loro impegno su strada per raccogliere attenzione e soldi a beneficio di Amici di Huaycan.

 

Quest’anno un po’ di Padroni e di loro amici si uniranno all’impresa di D., e sono certa che anche questo è solo l’inizio di una lunga strada. Sono grata di questo incontro, anche questo nato da una catena “virtuosa” di amicizia. A volte faremo insieme dei tratti di corsa veloce, a volte con  ritmo da mezzofondo, altre ancora sarà molto “peruviano” – molto simile ad una camminata in campagna.

1-1 of 1